SEI SU FASHION CENTER!

Banner generico

NEWS FROM WORLD

UNA PERSONA PERFEZIONISTA RISCHIA DEPRESSIONE, MAL DI TESTA E DOPPIA FATICA

galvos,skausmas 
Se l’eccellenza è il vostro chiodo fisso, non accettate nulla che sia un dito sotto la perfezione e tendete a rimettere mano al lavoro degli altri perché siete certi di poterlo migliorare, siete probabilmente quel che si chiama un perfezionista. E non stupitevi, quindi, se vi viene spesso mal di stomaco, soffrite di mal di testa, dormite male o vi sentite perennemente stanchi. Una ricerca della Brook University dell’Ontario dimostra infatti che la tendenza al perfezionismo è spesso intimamente legata a disturbi di salute come depressione, fatica e problemi fisici vari.
Esaminando 492 individui tra i 24 e i 35 anni i ricercatori hanno evidenziato come i perfezionisti soffrissero di affanno, disturbi del sonno e dolori di stomaco e prendessero di conseguenza più giorni di ferie, con conseguenze sul proprio rendimento lavorativo. I danni dell’ossessione per l’eccellenza non si fermano qui: perfezionisti attenti, perché non solo ve la passate peggio degli altri fisicamente ma, in casi estremi, la paura di non raggiungere la perfezione spesso vi porta a rinviare il lavoro da fare finché non diventa troppo tardi.
Questo anche perché di chiedere aiuto, ovviamente, non se ne parla nemmeno: il perfezionista la vive come una dichiarazione di debolezza. Molto meglio, a volte, portare il lavoro a termine senza aspirare necessariamente alla perfezione: accontentatevi del vostro meglio, non sentitevi giudicati dagli altri e vivrete più sereni. Non si parla di fare le cose come capita, ovviamente. Un certo livello di perfezionismo è certamente sano ma superarlo, evidenziano i ricercatori, provoca più danni che altro e soprattutto impedisce di raggiungere la perfezione nel campo più importante: quello della salute.

CIBO SPAZZATURA NON SOLO FA INGRASSARE, MA RALLENTA ANCHE LE FUNZIONI MENTALI

cibo spazzatura tumori

Mangiare troppo cibo-spazzatura non solo fa accumulare chili di troppo, ma rallenta le funzioni mentali, stancando letteralmente il cervello e rendendo pigri.

Lo afferma una nuova indagine Usa, pubblicata sulla rivista "Physiology and Behavior", da ricercatori della University of California Los Angeles.

I test condotti su ratti da laboratorio hanno evidenziato nei topi sottoposti ad una dieta del tutto simile a quella umana con cibi raffinati e alti contenuti di zucchero o fruttosio, un aumento della obesità ed una inattesa 'diminuzione di motivazione, reazioni fisiche e mentali.'

Gli effetti nel gruppo che seguiva la dieta spazzatura, rispetto ai ratti sottoposti ad un regime alimentare sano, si sono resi evidenti dopo solo tre mesi dall'avvio delle speriemntazioni. In particolare quando i ricercatori hanno indotto i ratti a eseguire determinati esercizi con premi in cibo ed acqua subito dopo, gli animali con la dieta errata si sono mossi lentamente, hanno dovuto fare intervalli di di 10 minuti tra un test e l'altro. I topi con alimentazione sana si sono invece mossi a tutta velocità ed hanno preso pause-riposo di meno di 5 minuti. Inoltre i ratti che mangiavano prodotti raffinati hanno evidenziato la presenza di più tumori degli altri.

Banner generico