SEI SU FASHION CENTER!

NEWS FROM WORLD

RAVIOLI COTTI NEL SUGO

Ravioli_al_sugo INGREDIENTI PER 4 PERSONE: 500g di ravioli freschi, 40g di burro, 1 cipolla, 450g di pomodori pelati, qualche foglia di basilico, 3/4 di litro di brodo vegetale, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, sale e pepe. PREPARAZIONE: - In una casseruola fate rosolare 20g di burro con la cipolla sbucciata e tritata finemente. Quando comincerà a imbiondire unite i pomodorini passati al passaverdure con la loro salsa. Lasciate insaporire per qualche minuto, quindi versate il brodo bollente e aggiungete un pizzico di sale e di pepe macinato al momento. - Portate a ebollizione, aggiungete i ravioli e il basilico lavato e asciugato, coprite la casseruola tenendo il coperchio leggermente alzato e continuate la cottura per circa 20 minuti, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. - Unite il brodo caldo se il sugo si addensasse troppo, oppure lasciatelo ridurre a fuoco vivo negli ultimi minuti di cottura se fosse troppo liquido. Trasferite nel piatto da portata e servite i raviolini dopo avervi incorporato il burro rimasto e il parmigiano grattugiato.

BRACCIA MOLLI, CONSIGLI PER MIGLIORARLE

moteris-ranka-zastas-64537760

Non sono solo la pancia, i fianchi e i glutei a mettere a repentaglio la silhouette femminile, ma anche le braccia che spesso sono sottovalutate nella totalità della allenamento e relegati ad arti pigri e apatici, talvolta troppo afflosciati dall’indolenza del disuso.

Eppure sono proprio loro le parti che per prima vengono scoperte da magliette e canotte e che solo per questo meriterebbero più attenzione, dato che non appena si mette su qualche chilo oppure si abbandona la palestra, assumono l’antiestetico aspetto cadente, dovuto proprio ad un eccesso di ritenzione idrica oppure alla mancanza di tonicità.

Qualche consiglio da seguire per non avere l’aspetto appesantito da una molle robustezza che avvilisce la figura e penalizza qualsiasi tipo di look:

- Tonificazione e smaltimento del grasso in eccesso. Una dieta ad hoc unito ad un programma fitness mirato al raggiungimento di muscoli definiti e tonici è quello che serve: alla larga da zuccheri, carboidrati raffinati e grassi, quindi, mentre l'attività fisica dovrebbe comprendere sia un lavoro aerobico che aiuti a bruciare le calorie e ad attivare il metabolismo, sia l’utilizzo di pesi e attrezzi rimodellanti.

- Pesce e carne bianca. Bisogna puntare molto sull'apporto proteico povero di grassi, come quello fornito da pollo, tacchino e pesce, ricchi di aminoacidi che aiutano a modellare le fasce muscolari, potenziando i risultati ottenuti con l'attività fisica. Poco spazio, invece, per gli zuccheri, per pane e pasta bianchi, prodotti industriali, cibi in scatola salumi e alcol, mentre le uova andrebbero consumate due volte alla settimana.
Fondamentale è anche aumentare l'apporto idrico, bevendo almeno due litri di acqua al giorno e tisane depurative (tarassaco, bardana, cardo mariano, mate, tè verde).

- Danza e ballo. Per braccia affusolate ed eleganti, la danza classica e il flamenco sono le discipline migliori: le posizioni del balletto classico obbligano spalle e collo a stare dritti e, di conseguenza, le braccia fanno esercizio senza ausilio di pesi, così come nel flamenco, in cui il loro movimento esalta femminilità e seduzione, con notevole rialzo dell'autostima come effetto collaterale. In questo modo le braccia saranno non solo più snelle e toniche, ma anche più aggraziate e femminili, perfette con gli abiti e i tubini estivi.

- Esercizi mirati. Quelli classici per tonificare i bicipiti (parte alta dei braccio) prevedono solitamente 3 serie di ripetizioni da 20, per braccio, da eseguire anche a casa purché sia sempre abbinata ad un'attività aerobica costante, soprattutto se il problema è associato ad adipe: sollevare pesi, senza dieta e senza sforzo aerobico prolungato, infatti, non porterà ad avere braccia più snelle, dato che vale lo stesso discorso dell'addome: se si ha la pancia, non bastano gli addominali ma serve, invece, soprattutto, un'appropriata attività aerobica bruciagrassi.
Gli esercizi per le braccia con i pesi sono più efficaci se si sollevano al massimo 1-2 chili per braccio e se il movimento viene praticato con lentezza consapevole, ovvero pensando allo sforzo che sta compiendo il muscolo e mantenendo una corretta postura di spalle e collo. Se si sollevano pesi eccessivi, infatti, c'è il rischio di incurvare la colonna vertebrale, incassando il collo e non ottenendo il risultato desiderato.
Le classiche bottiglie dell'acqua (da 0,5 litri a 1 litro) o i pesi più piccoli da 0,5 kg-1 kg sono la scelta ottimale per un allenamento casalingo.

- Stretching. Va fatto all'inizio e alla fine di qualsiasi tipo di esercizio o allenamento, non soltanto per smaltire l'acido lattico in eccesso ed evitare contratture o dolori, ma anche per favorire l'allungamento del muscolo e far prendere alle braccia la forma tanto desiderata: basterà, dunque, qualche semplice esercizio a corpo libero, di allungamento di collo e braccia, per distendere perfettamente il muscolo dopo averlo esercitato a dovere.
Ottimi risultati si ottengono anche con l'elastico (reperibile a costi irrisori in qualsiasi negozio sportivo) o il bastone della scopa, perfetto per eseguire torsioni con il busto, allenando e allungando, così, spalle, braccia e schiena insieme.

[vzaarmedia vid="1575739" height="300" width="300" color="black"]