INTEGRATORI PER I CAPELLI. QUANDO SERVONO?


Bellezza, Capelli /
86535946
Gli integratori per capelli diventano indispensabili alleati per una chioma sana quando l’indebolimento del capello viene dall’interno.
Quando serve l’integratore per capelli
Il capello si può indebolire per svariati motivi tra cui anche trattamenti chimici e termici troppo aggressivi (colorazioni, piastra e permanenti). Ma la maggior parte delle volte, i capelli si spezzano e cadono copiosamente per cause organiche:
- Cambio di stagione (soprattutto in autunno);
- Alimentazione inadeguata o insufficiente (carenza di vitamine, ferro, proteine e minerali);
- Allattamento (dopo il periodo “di grazia” della gravidanza);
- Sbalzi ormonali (pubertà, menopausa, trattamenti ormonali);
- Convalesecenza;
- Patologia acuta in atto;
- Uso di farmaci;
- Predisposizione genetica.
Cosa reintegrare
Qualsiasi sia la causa scatenante, si può rinforzare la chioma rovinata che si dirada con l’integrazione di alcune sostanze. Questi elementi sono gli ingredienti principe degli integratori per capelli in commercio:
- Amminoacidi come cisteina, taurina e arginina
- Minerali quali il ferro, lo zinco, il magnesio e il rame
- Vitamine del gruppo B, vitamina C e acido folico
- Antiossidanti: papaya fermentata, meolgrano, tè verde e caffeina
- Ferro naturale contenuto nelle alghe (alga spirulina)
In molti casi è sufficiente acquistare un semplice integratore multiminerale e multivitaminico secondo la fascia d’età. Ma se il capello cade e si spezza anche soltanto pettinandolo, urge un integratore a base di amminoacidi specifico per i capelli.

 

[vzaarmedia vid="1658351" height="222" width="300" color="black"]